Il tuo carrello
Continua gli acquisti

Spedizione gratuita in italia a partire da 80€

Iscriviti alla nostra newsletter per la spedizione gratuita!

Resi e cambi taglia gratuiti

La Polo: storia ed evoluzione di un classico dell’abbigliamento

La polo è uno dei pochi capi che non passa mai di moda. Sia per gli uomini che per le donne, indossare la polo permette di fare la differenza e dare quel tocco in più al proprio outfit, senza il bisogno di doversi inventare niente di speciale. Ma qual è la storia della polo? Come ha fatto questo capo a sopravvivere tutto questo tempo ed evolversi continuamente? Questo sono alcune delle domande alle quali noi di Rifò vogliamo rispondere insieme a te in questo articolo. Mettiti comodo e andiamo a scoprire tutto quello che devi sapere sulla polo. Storia della polo, un capo iconico

Storia della polo

Il 7 Aprile 1818 Henry Sands Brooks, il creatore della polo, apre un piccolo negozio di abbigliamento in un quartiere a sud di Manhattan. Il suo motto è: “commerciare solo merce della migliore qualità, venderla ad un profitto equo e trattare solo con chi la sappia apprezzare”. Per scoprire l’origine del nome del capo bisogna spostarsi nell'ambiente nel quale veniva utilizzato inizialmente. Stiamo parlando dello sport polo. I giocatori infatti indossavano questa casacca tradizionale di cotone, caratterizzata dal colletto abbottonato e dalle maniche lunghe. Sport Polo L’idea venne a John Brooks, il quale durante un viaggio di lavoro in Inghilterra si accorse di quel particolare colletto dei giocatori di polo. L’idea gli piacque così tanto che decise di applicarla anche alle sue camicie non appena tornò in America. Il nome originale fu polo shirt. Questo capo di abbigliamento rimase legato al mondo dello sport, in particolare al tennis. Forse non lo saprai, ma fino all'inizio del ventesimo secolo era abitudine praticare questo sport in giacca e cravatta. Il cambiamento arrivo quando il tennista René Lacoste progettò un nuovo tipo di t-shirt e fu il primo a indossarla nel 1926. Sarà lui poi a interessarsi fortemente a una borsa di coccodrillo durante un torneo e una volta ritiratosi commercializzerà la sua tipologia di t-shirt che ancora oggi conosciamo come le polo Lacoste, quelle con il simbolo del coccodrillo. La polo entrò a far parte sempre di più del mondo del tennis quando un altro grandissimo giocatore creò la sua versione: costui si chiamava Fred Perry. Con il tempo la polo si trasformò da capo esclusivamente sportivo a capo d’abbigliamento per tutti i giovani che volevano vestire alla moda. L’ultimo nome importante nella storia di questo indumento è quello di Ralph Lauren, che nel 1972 lanciò la sua nuova linea di moda che chiamò proprio Polo.

La Polo e i personaggi famosi

Possiamo dire che è stato un capo capace nel miracolo di raggiungere chiunque. Nonostante sia nata su un campo sportivo e successivamente si sia spostata al di fuori, la polo è stata in grado diventare un vero e proprio capo alla moda, senza lasciarsi sfuggire nessuno Sono diverse le personalità famose che l’hanno indossata, trasformandola in un vero e proprio marchio personale. Ecco una lista di alcuni dei personaggi più famosi ad aver indossato questo capo:
  • Il Principe Carlo
  • Frank Sinatra
  • Lady Diana
  • Clint Eastwood
  • Paul Simonon e Joe Strummer dei Clash.

La polo di Rifò

La nostra polo verrà ufficialmente lanciata il 9 aprile sia nella versione donna che in quella uomo. Naturalmente la nostra versione è 100% rigenerata. La nostra polo in cotone rigenerato riprende la polo classica degli anni venti del 900, la quale veniva indossata specialmente in contesti sportivi, in particolare nel tennis come abbiamo visto. Oggi rappresenta l'alternativa casual alla camicia, il suo uso trasversale ha smesso di essere strettamente legato alla pratica sportiva ed è diventato connotazione di uno stile che unisce sport ed eleganza in un connubio che è diventato icona del look informale, sia maschile che femminile. L’abbiamo resa nostra studiando il design in ogni dettaglio e la sua vestibilità e utilizzando il filato prodotto da 180 gr di scarti di cotone e da ⅚ bottiglie di plastica. In questo modo valorizziamo degli scarti e risparmiamo sull'utilizzo intensivo di acqua e prodotti chimici che di solito caratterizzano la produzione del cotone vergine. Polo Rifò cotone rigenerato

Conclusioni

Eccoci arrivati al termine dell’articolo. Oggi abbiamo scoperto insieme la storia e l’evoluzione di questo meraviglioso capo d’abbigliamento. Quali sono state le figure più famose ad averlo indossato e perché è riuscito ad attirare l’attenzione di persone con gusti apparentemente così differenti. Ti abbiamo dato anche le principali caratteristiche della nostra polo e ora non ti resta altro da fare che pre-ordinare la tua preferita non appena sarà disponibile sul nostro store!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza utente come specificato nella Cookie Policy
Accetta
Italian
IT